CONDIVISIONE DI UNA GIOIA

05.04.2014 20:30

 

Ieri sera ( 17.02.2014 ), alle ore 21.00 pm, a Casal di Principe (CE) ha avuto inizio qualcosa di straordinario. E’ iniziata l’adorazione al Santissimo Sacramento nella chiesa principale del paese ( chiesa del SS: Salvatore ). Il parroco , circa una settimana fa, ci aveva detto a noi missionari, che la chiesa era sempre stracolma di gente, ma soprattutto di giovani. E realmente è stato cosi. C’era prima dell’inizio della funzione, una corsa di gente che cercava di accaparrarsi una sedia . I banchi in chiesa non erano sufficienti.

In Chiesa ci saranno state circa 450 persone, di cui il 50% giovani. Non sono tutti di Casal di Principe , ma tanti vengono da altri paesi. E’ stata un’emozione fortissima. E’ stato proprio bello vedere come tanti giovannissimi erano “incantati” davanti al Signore. Se uno dovesse raccontare il fatto , nessuno ci crederebbe. Come è possibile, che ai nostri giorni, tanti giovani possano stare un’ora o due davanti al Signore? E’ possibile, e ieri sera ne abbiamo avuto la chiara dimostrazione.

L’adorazione era stata preparata da un gruppo di giovani. Il tema era "Se sei con noi... il paradiso è sulla terra".

L’adorazione comunitaria, fatta di preghiere, silenzi, canti e lettura del Vangelo è andata avanti per un’ora, poi , dopo la benedizione di Don Carlo, il parroco, molta gente ha lasciato la chiesa (immagino coloro che venivano da fuori paese), mentre altri in silenzio hanno continuato per un’altra ora. Poi alle 23.00, il parroco ha celebrato la compieta con coloro che erano rimasti in silenzio ad adorare Gesù nell’eucarestia.

Io sono stato chiamato a commentare il Vangelo. Ho introdotto il mio commento , ringraziando il Signore per la gioia che mi stava dando. Ho detto ai giovani che la loro presenza era per me un piccolo paradiso.

Si , il mio cuore era pieno di gioia. Ho sempre creduto che Gesù Eucarestia è sorgente di amore e di comunione. Ho creduto, e credo fortemente, che in tutte le chiese del mondo ci dovrebbe essere, settimanalmente, l’adorazione eucaristica. Perchè chi coverte il mondo e soprattutto il cuore dell’uomo è sempre il Signore. Noi tutti siamo solo mediatori, poveri mediatori delle opere di Dio.

Tornando a casa a Castel Volturno, assieme a P. Claudio Gasbarro (superiore della mia comunità), non facevamo altro che lodare e ringraziare Dio per quanto i nostri cuori avevano constatato.

. Nel mio cuore ritornava sempre un pensiero che era quello di ringraziare Dio perchè avevo visto, sentito e percepito che LUI è ancora tanto ricercato e amato.

GRAZIE SIGNORE

P. Antonio