Commento al Vangelo Sabato, 7 Dicembre 2013

25.10.2015 20:11
 
 
Vedendo le folle, ne sentì compassione
 

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. 
E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».


Parola del Signore

 

È la nostra beatitudine se siamo in fervente attesa del Natale! "Popolo di Sìon che abiti in Gerusalemme, tu non dovrai più piangere; a un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta. Anche se il Signore ti darà il pane dell'afflizione e l'acqua della tribolazione, tuttavia non si terrà più nascosto il tuo maestro; i tuoi occhi vedranno il tuo maestro, i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: «Questa è la strada, percorretela»". Isaia parla a ciascuno di noi: egli vede e legge la storia dei suoi tempi, ma evidentemente si riferisce con sorprendente attualità anche alla nostra storia e persino ai tempi, alle calamità che ci stanno colpendo e al tempo liturgico che stiamo vivendo. Ci invita, nonostante le tribolazioni, a smettere l'abito di lutto, a far cessare il pianto, ad alimentare di cristiana certezza le nostre suppliche, perché Colui che è nostro maestro, l'Onnipotente Signore, la fonte della divina Sapienza, tende benevolmente il suo orecchio alle nostre preghiere, ci illumina con la sua dottrina divina e soprattutto nascendo da Maria si rende visibile ai nostri occhi: il Verbo si fa carne. Siamo invitati a percorrere la "strada" che conduce al presepio per trovare il Bambino che è nato, la Via che ci riconduce al Padre. Passiamo dalla strada alla Via! Ed ecco pronta la risposta del Signore Gesù: lo vediamo nelle nostre strade: "Andava attorno per tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e curando ogni malattia e infermità". Il Messia inizia la sua missione: illumina con la sua Parola e guarisce con la sua divina potenza. "Vedendo le folle ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore senza pastore". Lo sguardo del Signore, pare, ora s'immerga nella secolare storia della sua Chiesa, la sua messe, la sua vigna, il suo gregge e si muove a compassione; accende e fa ardere più intensa la fiamma del suo amore per noi. Ci invita ad essere partecipi della sua ansia, del suo patire per noi e ci sollecita a pregare affinché siano tanti e santi i pastori del nuovo gregge, che sappiano essere i continuatori della sua opera e i testimoni credibili del suo Vangelo.

Commento dei Monaci Benedettini Silvestrini