Commento al Vangelo del 26 Febbraio 2015 - Giovedì della I settimana di Quaresima

26.02.2015 07:42

Mt 7,7-12
Chiunque chiede, riceve

 

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto. 
Chi di voi, al figlio che gli chiede un pane, darà una pietra? E se gli chiede un pesce, gli darà una serpe? Se voi, dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele chiedono!
Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti».


Parola del Signore

 

Il vangelo ci presenta la "regola d'oro" che vale per qualsiasi persona umana: fare agli altri quello che vorremmo fosse fatto a noi e - al contrario - non fare agli altri quello che non vorremmo fosse fatto a noi". L'insegnamento di Gesù risponde alla più profonda esigenza del cuore umano: amare ed essere amato. Dunque un rapporto reciproco, che mi impegna a valorizzare il bene presente in me e negli altri, a non escludere nessuno, anzi a promuovere e a incoraggiare con stima e rispetto e non mettere solo me stesso al centro di ogni attenzione. Anzi, dovremo metterci al posto dell'altro per comprenderne le esigenze e le difficoltà: diremmo quasi che "l'altro" diventa "me stesso". Ogni uomo o donna sono veramente "mio fratello e mia sorella".

Commento di D. Mario Maritano SDB