Commento al Vangelo del 13 Luglio 2014 - XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

13.07.2014 07:31

Mt 13,1-23
Il seminatore uscì a seminare

 

Dal Vangelo secondo Matteo

Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti».
Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. 
Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice:
“Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!”.
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!
Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».


Parola del Signore.

 

Il mio dialetto bergamasco (ma credo lombardo, più in generale) ha un'espressione particolare per dire "risparmiare", ovvero "tegn a mà", "tenere a mano". L'ipotesi più accreditata riguardo alla sua etimologia (e non ho dubbi a ritenere che sia così) pare provenire proprio dall'ambiente agricolo, e in particolare dal rituale della semina. Quando si seminava a mano, spargendo il seme lungo i solchi percorsi a piedi dietro l'aratro, si prendeva una manciata di semi dalla bisaccia e si cominciava a spargerli a destra e sinistra, avendo cura di gettarli dove andavano gettati e soprattutto di non sprecarli con eccessiva dovizia, perché non sempre il seme abbondava nei magazzini delle fattorie, per cui andava tenuto bene in pugno, gettato con oculatezza e di conseguenza "tenuto a mano", ovvero tenuto ben stretto in pugno e gettato laddove fosse veramente utile alla crescita del germoglio. L'arte del seminare "tenendo a mano" diviene poi "simbolo" dell'arte del risparmio, e viene applicata a molte situazioni, addirittura a quella del parlare inutilmente, per evitare il quale si invita a "tenere a mano il fiato" e a utilizzarlo solo per qualcosa di utile e necessario.
L'esatto contrario di ciò che fa il Dio Seminatore della parabola di oggi, che proprio sembra non conoscere il concetto del "tenere a mano"; o meglio, sa bene - come ogni esperto agricoltore - che il seme non va sprecato, eppure a prescindere da questo lo fa', in forma volontaria e deliberata. Dio "non tiene a mano" il seme, Dio è prodigo fino allo spreco, Dio non risparmia nulla di ciò che è in suo possesso, ma lo getta e lo disperde, incurante del risparmio. Perché fa così?
Se ci addentriamo nella parabola e cerchiamo di comprenderne il significato, ci rendiamo conto di come la nostra interpretazione sia sempre stata condizionata dalla spiegazione stessa della parola che l'evangelista Matteo mette in bocca a Gesù, ma che in realtà non è annunciata (come la parabola) alle folle, bensì spiegata privatamente ai discepoli, ovvero alla comunità radunata intorno a lui; si tratta più verosimilmente della comunità dell'evangelista Matteo, che diversi anni dopo aver ascoltato questa parabola si chiede come applicarla alla propria vita e come dare continuità ed efficacia al seme della Parola che il Maestro aveva gettato e che, a motivo dell'incoerenza di molti fratelli cristiani, sembrava non portare il frutto sperato e quindi gettava nella sfiducia e nello sconforto la comunità stessa. Ancor oggi, rileggendo la spiegazione, ci viene immediato applicare quanto ascoltato alla nostra vita, chiedendoci che tipo di terreno siamo e come rispondiamo alla Parola di Dio che viene seminata in noi.
Ma il senso originario della parabola è un altro. Gesù non è preoccupato di farci fare un esame di coscienza per chiederci che tipo di terreno siamo. Lo scopo per cui pronuncia questa e le altre parabole del capitolo 13 che leggeremo nelle prossime domeniche è quello di annunciarci il Regno di Dio e la sua potenza; e il contesto in cui lo fa è significativo, perché sia al capitolo precedente che al capitolo successivo a questo il Maestro trova molta opposizione al suo annuncio, da parte dei farisei prima e dei suoi compaesani poi. Gesù vuole dire ai suoi uditori che il Regno incontra sempre opposizione, non c'è da meravigliarsi di questo: ma la sua potenza è infinitamente più grande di tutto, e nonostante in alcune persone e in alcuni luoghi dia l'impressione di non dare frutto, nonostante rispetto ad altre situazioni eclatanti sia simile al "nulla" di un granello di senapa, nonostante accanto al bene presente nel mondo il male cresca come la zizzania accanto al buon grano, la Parola di Dio porta frutto, e lo fa con abbondanza.
Si tratta di capirne il perché. La spiegazione non sta nell'esortazione a essere un buon terreno, ma nell'atteggiamento del seminatore, ovvero la prodigalità al momento della semina. La forza della Parola di Dio sta proprio nella sua abbondanza, nella sua seminagione senza risparmio, nella sua diffusione ad ogni costo, nella sua lotta al calcolo e al "tenere a mano". Se la Parola è efficace, non è grazie alla bontà del terreno che la riceve (anche nel migliore dei terreni, a volte dà il cento, a volte il trenta per cento), ma grazie a un Dio che non fa calcoli, e semina sempre, ovunque, in ogni momento, anche e soprattutto laddove trova contrasto, opposizione, indifferenza, apatia. Perché per un po' di seme che finisce sulla strada, ce n'è altrettanto che finisce sul terreno buono; per un cristiano che si perde, ce n'è almeno un altro che si ritrova; per un uomo che vuole a fare a meno di Dio, ce n'è sempre un altro che crede in lui. Ma soprattutto, il seme gettato dà frutto indipendentemente dalla fiducia che noi gli accordiamo, perché la sua potenza è infinitamente più grande della nostra predisposizione ad accoglierlo e a dargli spazio.
Spesso incontro genitori che se la prendono con se stessi e con Dio perché gli insegnamenti cristiani e valoriali che hanno trasmesso ai loro figli sono svaniti nel nulla a causa di una vita buttata via, lontana da Dio e dagli ideali più grandi. Io dico sempre loro che non è così, e che Dio sa bene quello che fa. Quel seme "gettato via", sprecato, buttato al vento e non certo "tenuto a mano", in realtà è capace di dare frutto molto di più di quanto crediamo. E allora, ciò che si è seminato, se seminato con convinzione, con fatica, con sudore e con abbondanza, senza giocare al risparmio, non andrà mai perduto: potrà sembrare latente, soffocato, apatico, svogliato, ma alla fine dà frutto, in tutti, anche in coloro che a noi davano l'impressione di non poter produrre nulla.
Ma per fare questo occorre essere come il Dio Seminatore: gettare, seminare, sprecare, darsi da fare, non giocare mai al ribasso. Perché Dio con l'uomo non bada a spese e non "tiene a mano", ha proprio le mani bucate: bucate sul legno della Croce, il più clamoroso degli sprechi di Dio per l'umanità.

Commento di Don Alberto Brignoli