Centrafrica: Messa per la pace con 4mila rifugiati accolti nel Carmelo di Bangui

05.12.2014 16:40

Inizia così la lettera inviata all'agenzia Fides da padre Federico Trinchero, missionario carmelitano scalzo operante nel convento Notre Dame du Mont Carmel di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Lì da un anno esatto sono accolti migliaia di sfollati in fuga dalle violenze e dai combattimenti tra gli ex ribelli Seleka e le milizie Antibalaka. 

La creazione di un governo di unità nazionale e l’arrivo di forze di pace internazionali ha permesso di migliorare la situazione, ma la pace rimane ancora precaria. Per questo, scrive p. Federico, “in questa Messa vogliamo implorare da Dio il dono di una pace duratura e di una vera riconciliazione per tutta la Repubblica Centrafricana. Chiederemo a Dio il dono della conversione del cuore e della testa. Ricorderemo le migliaia di persone che sono morte in questi ormai due anni di guerra. Pregheremo per le vittime innocenti, per i cristiani e i musulmani, gli Antibalaka e i Seleka. Pregheremo per quanti tra i nostri profughi abbiamo conosciuto e amato e sono morti: anziani, ragazzi, bambini”. 

“Pregheremo - prosegue il missionario - per i caduti dell’esercito francese, degli altri eserciti africani e quelli di altre parti del mondo, dei vari organismi umanitari che stanno contribuendo con il loro lavoro e il sacrificio della loro vita al ritorno della pace in Centrafrica. Pregheremo per quanti governano e governeranno questo Paese”.

“Pregheremo per tutte le persone che ci hanno aiutato e ci stanno aiutando con la loro preghiera, la loro amicizia e la loro generosità". Inoltre, conclude padre Federico, "renderemo grazie a Dio per tutti i bambini che sono nati qui al Carmelo e per averci protetto da ogni pericolo”.